Cronaca

Terremoto, a Biancavilla annullati i festeggiamenti patronali

La Chiesa Madre di Biancavilla

BIANCAVILLA – A seguito della scossa di terremoto della scorsa notte, a Biancavilla (comune più danneggiato) il sindaco Antonio Bonanno ha annunciato l’annullamento delle festività patronali, nel vivo proprio in questi giorni. 

Tra gli edifici che hanno subito danni anche la Chiesa Madre che, provvisoriamente, è stata dichiarata inagibile. 

Nel comunicato stampa si legge che è necessario un monitoraggio serio e approfondito alle strutture. 

“Ci siamo immediatamente messi in moto con il Dipartimento di Protezione civile regionale, con i carabinieri, i tecnici ed i volontari per effettuare tutti i sopralluoghi del caso. Scuole, chiese, edifici pubblici: stiamo verificando, palmo a palmo, ogni struttura pubblica – spiega il Sindaco Antonio Bonanno -. E’ stata una notte lunga ed emotivamente forte nella quale mi sono sentito vicino ai miei concittadini ed alla popolazione del territorio. Annullare ogni festeggiamento è un atto che ritengo opportuno preso di comune accordo con il clero. 
Non facciamo vincere dalla paura. Coraggio e consapevolezza”.

Sarà dato spazio questa sera ad un momento di preghiera in uno dei luoghi più sicuri, lo stadio Orazio Raiti. 

 “Alle 19 celebreremo un momento di unione umana e civile per ringraziare il Signore per lo scampato pericolo della notte scorsa – interviene il Prevosto, don Agrippino Salerno -. Lo celebreremo in un clima di mestizia, lode e ringraziamento attraverso l’intervento dei Santi Patroni. Ci stringiamo attorno alla speranza di ritrovarci accanto l’un l’altro e guardare al futuro con altrettanta speranza. In questo momento, la preghiera ci accomuna prendendo consapevolezza della nostra fragilità. Invito tutta la comunità biancavillese ad essere presente alle ore 19 al campo comunale”.

Il comune di Biancavilla, inoltre, informa che i cittadini che hanno rilevato danni alle proprie abitazioni private, che possono eventualmente segnalare tutto al numero 095. 7711322: sono già parecchie decine le chiamate arrivate.

In alto