Sport

Tonfo Adrano, sconfitta in casa 3 a 2 per mano della Real Avola

ADRANO CALCIO 1922 – REAL AVOLA  2 – 3

 

ADRANO CALCIO 1922.  Lo Guzzo; Pappalardo (46’ st Stancampiano); Plumari (50’ Longo); Spitaleri; Romano; Pesce; Compagnone (70’ Reina); Campilongo; Virgillito; Bua; Meta;
All. Giovanni La Mela;

REAL AVOLA.  Loreto; Nitto; Bonaventura; Costa; Parisi; Rossitto; D’Urso; Caruso; Sirugo (75’ Ruiz); Cosimano (85’ Toscano); Maieli;
All. Rosario Monaca;

ARBITRO: Giuseppe Merendino (Messina), Salvatore Debole e Michele Raspanti (Catania);

NOTE. Giornata fredda, nonostante un timido sole. Presenti circa 100 spettatori locali e una dozzina di tifosi ospiti al seguito;

AMMONITI. 20’ Costa;  43’ Pappalardo; 55’ Spitaleri; 60’ Stancampiano; 72’ Caruso; 77’ Parisi;

ESPULSI. 34’ Maieli;

GOL. 21 Virgillito (r);  26’ D’Urso; 45’ Caruso;  46’ st Cosimano; 86’ Virgillito (r);

L’Adrano Calcio non riesce a bissare la splendida prestazione di settimana scorsa e cede in casa per mano  della Real Avola con il punteggio di 2-3. Rispetto a domenica scorsa, la squadra di Giovanni La Mela è sembrata incapace di produrre gioco, nonostante si sia trovata per quasi due terzi della partita in superiorità numerica. Eppure le cose si erano messe subito bene per la squadra di casa, passata addirittura in vantaggio grazie al centro, su calcio di rigore, del bomber Virgillito. L’esperta squadra ospite però, non s’è data per vinta e ha trovato quasi immediatamente il gol del pareggio con il miglior in campo della partita, D’Urso. Un altro episodio favorevole poi sembrava potesse spianare la strada alla compagine adranita: l’espulsione del giocatore avolese Maieli, reo di aver schiaffeggiato in area Meta. Ma l’Adrano non riesce ad approfittarne e, sugli sviluppi di una punizione, è Il Real Avola a passare in vantaggio, proprio negli istanti finali del primo tempo. Ci si aspetta un Adrano battagliero ed arrembante ed invece, pronti-via, il Real Avola sigla la terza marcatura, grazie a Cosimano, abile a sfuggire alla marcatura di Romano e a segnare con un pregevole pallonetto. L’Adrano subisce il colpo e non riesce ad essere mai pericoloso, se non su calcio piazzato. A 4 minuti da 90’, un fallo di mano in area di Rossitto permette a Virgillito di ripresentarsi nuovamente dal dischetto e di realizzare la propria personale doppietta, riaprendo l’incontro. Forcing finale dell’Adrano che sfiora il gol con Bua. Dopo 5 minuti di recupero, l’arbitro decide di fischiare la fine della partita, mandando tutti negli spogliatoi. Risultato onesto: il Real Avola, pur con l’uomo in meno ha dimostrato solidità difensiva e una buona manovra; dall’Adrano ci si aspettava qualcosa di più, anche se bisogna tener conto delle assenze che hanno pesato, e non poco. Da segnalare una mini contestazione da parte di qualche sparuto tifoso.

La cronaca

4’ Virgilito controlla dal vertice destro dell’area e conclude di sinistro: palla di poco a lato alla destra del portiere;

8’ azione ubriacante del numero 4 del Real Avola, Costa; che partendo dalla destra, si libera di due avversari e mette al centro: interviene Sirugo che insacca, ma in posizione di fuorigioco. L’arbitro giustamente non convalida la rete;

17’ conclusione da fuori area di Costa: il tiro è ben indirizzato ma l’estremo difensore adranita Lo Guzzo risponde prodigiosamente;

20’ splendida apertura di Virgillito per Meta che dal versante sinistro si invola verso la porta: il difensore avversario non può far altro che stenderlo. E’ rigore per l’Adrano ed ammonizione per Costa;

21’ dal dischetto si presente Virgillito che calcia e trasforma: Adrano in vantaggio!

26’ pareggio immediato del Real Avola con D’Urso. Lancio da centrocampo diretto verso l’interno dell’area di rigore dell’Adrano: D’urso controlla benissimo la palla e lascia partire un tiro che si insacca alle spalle dell’incolpevole Lo Guzzo;

32’ incredibile Compagnone: tutto solo davanti al portiere calcia incredibilmente alto

33’ sull’azione seguente conclusione importante di Costa: Lo Guzzo si oppone da campione e mette in angolo;

34’ sul calcio d’angolo seguente, l’attaccante dell’Avola, Maieli schiaffeggia Meta: l’arbitro, su segnalazione del guardalinee, decide di mandarlo anzitempo negli spogliatoi. Rosso diretto e real Avola che proseguirà il resto dell’incontro in 10 uomini;

43’ discesa da posizione centrale di Meta che dal limite dell’area calcia debolmente di sinistro: para Loreto;

45’ punizione per il Real Avola, tiro di Caruso e gol: Lo Guzzo si fa sorprendere da un tiro angolato ma non certo irresistibile;

47’ Meta colpisce di testa e manda di poco alto su calcio d’angolo battuto da Campilongo;

48’ finisce il primo tempo dopo tre minuti di recupero;

46’ st  difesa dell’Adrano sguarnita e Cosimano, ben imbeccato da un lancio del solito D’urso si trova a tu per tu con Lo Guzzo, il quale viene superato con un morbido pallonetto per il 3 a 1 degli ospiti;

49’  prova a scuotersi l’Adrano con un tiro di poco a lato da parte di Spitaleri;

51’ punizione alta di Campilongo: l’Adrano prova a riprendersi dallo shock per il terzo gol subito;

55’ difesa dell’Adrano assente ingiustificata: il Real Avola, seppur con l’uomo in meno va vicinissima al gol del 4 a 1 ancora con D’Urso;

56’ risponde l’Adrano con una bella conclusione da fuori area di Bua, parata dal portiere avversario che mette in angolo;

57’ sul calcio d’angolo seguente Adrano vicinissimo al gol del 3 a 2, ma il portiere ospite si oppone ancora una volta;

60’ si invola sulla corsia destra Nitto: lo stende Stancampiano. Giallo per lui:

70’  bella punizione di Bua, palla di poco alta sopra la traversa;

76’ ancora pericoloso l’Adrano con una punizione di Virgillito. L’Adrano però non sembra volerci credere realmente;

86’ si riapre la partita grazie ad un calcio di rigore trasformato ancora da Virgillto per un fallo di mano in area avolese;

90’ saranno 5 i minuti di recupero;

92’ Bua: vicinissimo al gol del pareggio l’Adrano! Il tiro dell’attaccante adranita finisce alto di poco;

94’ forcing finale dell’Adrano che non produce effetto;

95’ finisce la partita: Real Avola batte Adrano per 3 a 2.

In alto