Cronaca

“Un Tocco di…ambiente, cultura, futuro”, Legambiente fa rivivere la Timpa di Acireale

Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

ACIREALE (CT), 22-12-2015 – Tornare a godere in pieno di una riserva gioiello della costa ionica grazie ad attività formative, culturali e di promozione turistica: entra nel pieno del suo svolgimento il progetto “Un Tocco di…ambiente, cultura, futuro”, promosso dal Circolo Legambiente Sartorius von Waltershausen di Acireale e presentato oggi in conferenza stampa al Palazzo del Turismo.

Il Sindaco Roberto Barbagallo e l’Assessore all’Urbanistica e alle Politiche Ambientali del Comune di Acireale Francesco Fichera hanno confermato la collaborazione dell’amministrazione comunale: “Il progetto è perfettamente in linea con la valorizzazione dell’area di Santa Maria la Scala attualmente in corso, – ha dichiarato Barbagallo –, e che prevede la chiusura al traffico di via Molino, la creazione di un museo all’interno dei locali della vecchia scuola del borgo, il potenziamento dei collegamenti diretti con il centro cittadino”. “Ci impegniamo a sostenere Legambiente in questa iniziativa che darà il giusto valore al sentiero delle Chiazzette e alla storica Fortezza del Tocco, grazie all’attività di promozione, alla presenza di personale qualificato e alla riorganizzazione prevista dal Piano di Sviluppo della Rno. Siamo lieti dell’avvio del progetto e ci auguriamo che la collaborazione con l’associazione possa non concludersi nei due anni di durata del progetto” – ha concluso l’ass. Fichera.

Dopo i saluti del dirigente dell’Azienda Foreste Demaniali Etnea dott. Luigi Piccinini, è il presidente di Legambiente Acireale dott.ssa Sarah Leonardi a illustrare le linee guida del progetto e a presentare le associazioni partner: il Circolo Arci Babilonia, l’Associazione Culturale Scarti e la Fondazione Città del Fanciullo, scelti per le loro competenze e il loro stretto legame con il territorio di riferimento. Il progetto, finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale, avrà una durata complessiva di due anni e si focalizzerà sull’area della Riserva Naturale Orientata “La Timpa”, scarpata costituita da numerose stratificazioni laviche riconducibili a diversi periodi eruttivi dell’Etna, e della Fortezza del Tocco, bastione seicentesco di grande rilevanza storica e sede del Centro visite della Riserva.

“Il progetto Un Tocco di.. è stato pensato per risolvere le criticità maggiori che presenta l’area della riserva naturale – ha dichiarato Sarah Leonardi – e avrà importanti ricadute positive sul territorio, sia in termini turistico-culturali che di sensibilizzazione alle tematiche ambientali”. I dati raccolti in fase di analisi ed elaborazione del progetto hanno infatti evidenziato come solo una percentuale irrisoria dei visitatori della Sicilia si fermi ad Acireale, e solo l’1,5% di questi visiti la Riserva. Le grandissime potenzialità dell’area naturale verranno valorizzate intensificando attività e servizi: aumenteranno i giorni di apertura del Centro Visite della Fortezza del Tocco; per la prima volta verrà aperto il sito web della Riserva, attualmente in costruzione; verranno realizzati materiali promozionali come brochure e depliant in italiano e nelle principali lingue straniere; verrà svolta una costante attività di promozione dell’area, organizzando eventi e mostre al suo interno per incentivare la presenza di turisti ed escursionisti durante tutto l’anno.

Grande importanza ricoprirà l’aspetto didattico ed educativo: da gennaio ad aprile la Fondazione Città del Fanciullo attiverà invece il Corso di formazione per accompagnatori in percorsi naturalistici del territorio, 100 ore complessive di lezioni teoriche ed esercitazioni pratiche rivolte ai giovani per poter svolgere visite guidate e far sviluppare in loro la consapevolezza della sostenibilità della propria condotta verso il territorio. E poi campi di volontariato internazionali, mostre e tante iniziative che faranno rivivere la Timpa nei prossimi 24 mesi.

PER RESTARE AGGIORNATI SULLE NOTIZIE SI PUÒ SEGUIRE LA GAZZETTA CATANESE.IT ANCHE SU FACEBOOK, CLICCANDO QUI.

In alto